Dopo aver parlato di Juniores con mister Cammareri, andiamo a conoscere la formazione che milita in Serie D e che è capitanata da Davide Mineo, uno dei prospetti più interessanti del Palermo Calcio a 5.

Davide, siamo al giro di boa di questo campionato di Serie D. La formazione da te capitanata e che sta ben figurando. Cosa ti senti di dire sul vostro girone di andata e con quali prospettive affronterete quello di ritorno?

Quest’anno siamo partiti un po’ a rilento, nelle prime partite non avevamo un bel gioco di squadra, ma da metà girone in poi il gruppo ha cominciato a girare meglio sono arrivate prestazione e risultati e l’ultima vittoria ne è la dimostrazione. Adesso ci aspetta un bel girone di ritorno e sono fiducioso, con la testa e l’atteggiamento giusto possiamo mettere in crisi qualsiasi formazione nella nostra categoria.

Come ti trovi con mister Tony Magro? Alla sua prima esperienza da allenatore, come giudichi la sua leadership?

Sono sincero, il primo mese non è stato semplice, ma conoscevo il mister personalmente e so quanta voglia e grinta ci ha sempre messo, per cui non ho mai avuto dubbi sul fatto che prima o poi il gruppo lo avrebbe seguito. Di fatto ora è così, siamo un tutt’uno e questo è fondamentale.

La formazione di Serie D si sta trasformando in una sorta di laboratorio. Tuo fratello Fabio, Scimeca, Di Maria, Ali e Le Calze. Lavorate per andare in prima squadra?

Ovviamente quello è l’obiettivo comune, remiamo tutti per la stessa barca ovvero il Palermo Calcio a 5. Puntare sui giovani penso sia alla base di un progetto serio e il Palermo lo sta facendo.

Qual è il tuo obiettivo? Andare in prima squadra? Vincere il campionato?

Il mio obiettivo attuale è quello di fare bene in Serie D, voglio vincere e fare bella figura con il gruppo splendido di ragazzi che rappresento, i risultati e i riconoscimenti arriveranno di conseguenza.

Cosa ne pensi dei tuoi compagni “maggiori”? Qual è quello che più ti piace? C’è qualcuno che segui in particolare? Qualche calciatore al quale vorresti assomigliare?

Conosco bene i ragazzi, è da vari anni che sono dentro questa famiglia e ho avuto più di una volta la possibilità di allenarmi con loro. Penso che Tortorici sia quello che veramente può far fare il salto di qualità alla squadra, ha grandi mezzi tecnici, forse dovrebbe soltanto essere più continuo e consapevole delle sue possibilità.

Dove arriverà la tua Serie D e dove la C2 di mister Calandra?

Mi auguro più in alto possibile. Per la Serie D sono fiducioso che arriverà entro i primi 6 della classifica, mentre la C2 ha tutte le carte per arrivare ai play-off e giocarsi la promozione.

 

Ufficio Stampa

Palermo Calcio a 5

Comments

comments