Il Palermo Calcio a 5 continua a trovare nella Grippi Impianti Arena un porto più che sicuro in cui andare a fare incetta di punti.

Questa volta a capitolare sotto i colpi della formazione rosanero è lo Studio De Santis, squadra rivoluzionata proprio in prossimità della sfida contro la quarta forza del girone A del campionato di serie C2. Una partita combattuta soprattutto nella prima frazione, mentre nel secondo tempo, quando i ragazzi guidati da coach Calandra hanno innestato le marce più alte e hanno alzato la qualità del proprio gioco, sfruttando anche nella maniera giusta il nervosismo sempre in crescita specialmente all’uscita dagli spogliatoi.

Si comincia subito velocemente e con Bongiovanni che gonfia la rete ospite, provando a mettere la partita sui binari preferiti dal Palermo, ovvero quelli fatti di gioco palla al piede e di grande e insistita circolazione della sfera. Eppure il De Santis si mostra squadra vera, che vuole risalire con i nuovi rinforzi e cerca di imporre il proprio gioco in un campo a dir poco ostico. Succede, dunque, che il veterano Cintura trovi l’angolo giusto in cui far passare il pallone e infilarlo alle spalle di Martino per l’1-1, cogliendo di sorpresa il pubblico della Grippi Impianti Arena. L’equilibrio dura però pochissimo: Manno per Bongiovanni, l’assist è di quelli che non possono andare sprecati, ed è già 2-1. Ospiti che non mollano, cercando la manovra e trovando ancora una volta il pertugio giusto: bel giro palla che favorisce Benincasa, il quale incrocia col sinistro laddove Martino non può arrivare. Ma ancora una volta il Palermo reagisce per tempo, e trova la sua terza rete: questa volta l’asse cambia, con Lupo che diventa Alberto Tomba, slalomeggia tra gli avversari e serve un cioccolatino da scartare per Picone.

3-2 al rientro delle squadre dall’intervallo, ma lo Studio De Santis va a trovare il terzo pareggio di giornate quasi subito. Punizione al veleno di Genzardi, Martino non ci arriva e gli ospiti festeggiano, pensando anche alla grande impresa. Il nervosismo sale poco per volta, ad avvertirlo di più sono proprio gli ospiti, forse fin troppo galvanizzati dalla situazione di punteggio. Il Palermo racimola così una serie di tiri liberi: Corsino sbaglia il primo, poi Bongiovanni realizza quello che vale il 4-3. Passano pochi minuti, e dal dischetto si presenta capitan Lupo: scelto lo stesso angolo del numero 10 rosa, e il vantaggio aumenta a due lunghezze. Ma ben presto le lunghezze diventeranno tre, dopo un paio di interventi da maestro di un Martino abile nell’abbassare la saracinesca, e con essa le aspettative degli ospiti: Picone pesca l’incrocio dei pali e porta il punteggio sul 6-3. Il De Santis, infatti, schiera anche il quinto di movimento nella speranza di riaprire la partita, ma Bongiovanni non ha finito di prendersi la scena, e con un pregevole tiro che si insacca sotto il sette.

Sette come i gol messi a segno e con cui il Palermo Calcio a 5 regala un gran bel Natale ai suoi sostenitori. Ora la consueta sosta per le festività di fine anno, poi la ripartenza per un 2017 tutto da vivere.

 

Ufficio Stampa

Palermo Calcio a 5

Comments

comments