Si chiude con un’altra sconfitta una delle settimaane più dure per il Palermo Calcio a 5 dall’inizio della stagione. Il Real Trabia sfrutta nel migliore dei modi il maggiore “grip” sul campo del Manhattan Park e la maggiore freschezza atletica rispetto ai rosanero, e grazie anche a una prestazione in cui il cinismo in fase realizzativa fa da ago della bilancia, viene fuori un 5-1 in favore dei biancorossi di coach Marsala, che però non rispecchia in maniera fedele l’andamento della gara. Specialmente dopo un secondo tempo in cui si è giocato in una sola metà campo – quella dei padroni di casa – per gran parte della mezz’ora giocata, ma in cui il Real Trabia ha trovato in maniera estemporanea le tre reti che hanno tolto ai ragazzi di coach Salvo Rizzo ogni speranza di completare la rimonta avviata nel finale di primo tempo.

La gara inizia in maniera shock per il Palermo Calcio a 5, sotto dopo appena un minuto: arriva ancora un gol da imbucata centrale, questa volta Costa serve Fricano che da due passi, e con la porta completamente sguarnita, non può proprio sbagliare. I rosa si affidano al gioco per cercare di riprendere subito in mano le redini del match, ma i padroni di casa si chiudono bene per poi ripartire, e all’ottavo minuto fanno ancora male: servizio profondo a sinistra per Lucchese, che a tu per tu con Di Maria lo beffa con un morbido pallonetto che finisce la sua corsa in fondo al sacco. Sicuramente non uno dei migliori inizi di gara per una squadra già stanca dopo le fatiche di Marsala, e per giunta costretta a inseguire sul doppio vantaggio. A questo si aggiunga che la gara di Molinaro, recuperato in tempo per la sfida di Trabia, dura una manciata di minuti per il riacutizzarsi del problema fisico. Rizzo si affida ai giovani per cercare di dare verve e vivacità, ma a riaprire la partita ci pensa il solito “vecchietto” Toni Fava, che poco oltre il 20′ batte il portiere di casa Rizzotto per la rete del 2-1. Gli attacchi nel finale risultano sterili, ma quantomeno si va al riposo con una sola rete da recuperare.

Il Palermo Calcio a 5 inizia la ripresa con il piglio di chi sa di poter rimettere le cose al proprio posto. Attacco in massa da parte dei rosanero nella metà campo del Real Trabia, che però si chiude bene e sfrutta anche la buona giornata del giovane portiere Rizzotto. E all’improvviso, dopo una clamorosa traversa colpita da Guarino con una stoccata dal limite dell’area, arriva anche la terza rete che spezza le gambe agli ospiti: ci pensa Piazza a battere ancora una volta Di Maria, ma l’errore clamoroso del Palermo è stato quello di effettuare un cambio proprio nel vivo dell’attacco trabiese. I rosa tornano ad attaccare a testa bassa, consapevoli del fatto che la strada si è fatta più ardua, ma emergono ancora una volta i tentativi, frenetici e poco fruttuosi, di risolvere la partita in maniera individuale piuttosto che con la manovra collettiva. Ma ancora una volta il Real Trabia punisce, dopo aver chiuso a fatica per una manciata di minuti: ancora Piazza, questa volta ricevendo palla da rimessa laterale, fa partire il sinistro che Di Maria non vede partire, e che si insacca in rete. Poker Real senza dubbio poco meritato, Rizzo ordina il quinto uomo di movimento ma i suoi creano poco. E su una situazione di uscita del pallone dalla propria metà campo, il Palermo perde palla malamente e regala a Poma la gioia del 5-1 finale.

Settimana da mandare agli archivi al più presto possibile per il Palermo Calcio a 5, che da domani tornerà al lavoro per preparare al meglio un ciclo di partite abbastanza frenetico. Ci sono da affrontare C.U.S. Palermo in coppa Italia, Nuova Pro Nissa per il recupero di campionato oltre alle ultime due gare previste da calendario, in programma rispettivamente in casa contro la Vigor San Cataldo e sul campo del Partinicaudace.

Comments

comments