Mancano poco meno di tre giorni per vedere il debutto ufficiale stagionale del Palermo Calcio a 5. A tenere a battesimo i rosanero di coach Salvo Rizzo sarà il Palermo Futsal Eightyniners per la prima giornata del triangolare di coppa Italia di serie C1, e a tal proposito abbiamo sentito Francesco Costantino. Il responsabile della formazione Under 19 dei gialloblu collabora a stretto contatto con il coach della prima squadra Gianfranco Del Bosco, e ci ha parlato della partita in programma sabato alle ore 17, con palla al centro alla Grippi Impianti Arena.

La partita d’inizio di una stagione è sempre attesa da tutti e carica di buoni propositi – dichiara Costantino – . Se a questo aggiungiamo che sarà un derby cittadino allora penso che ci siano i presupposti per assistere ad una bella partita, come sempre lo sono state quelle tra noi disputate, sempre all’insegna del sano agonismo sportivo.
Da parte nostra abbiamo iniziato da poco la preparazione atletica e quindi corriamo il rischio di arrivare un po’ imballati, ma siamo vogliosi di ben figurare“.

L’obiettivo, nonostante un roster rivoluzionato e il fatto di giocare “in trasferta” pur rimanendo a Palermo, è quello della vittoria per i nostri avversari: “Quando si scende in campo, in qualsiasi competizione, l’unico intento per tutti è quello di battere l’avversario che hai di fronte. La coppa Italia arriva in un momento particolare, in cui si cerca principalmente di formare e preparare il gruppo per la nuova stagione. Le partite di coppa che disputeremo, oltre che la vittoria, avranno come obiettivo quello di cercare di raggiungere un livello di preparazione, atletica ed agonistica, tale da poter ben figurare nel proseguio della stagione“.

Roster più giovane ma comunque molto agguerrito per gli Eightyniners, e Costantino svela gli obiettivi della prossima stagione di una squadra che vuole ben figurare, sempre con l’intento principale legato al lancio dei propri giovani più promettenti: “Per il campionato ci auguriamo di raggiungere la salvezza con meno patemi d’animo degli ultimi anni. Se poi ci sarà spazio per poter pensare a qualcosa di più, ci faremo trovare pronti. Ma il vero step che ci prefissiamo di fare riguarda la crescita del gruppo di giovani che nell’ultimo biennio si è distinto nel campionato di competenza. Quest’anno sei/sette elementi che lo scorso anno hanno disputato il campionato juniores verranno aggregati in pianta stabile nell’organico della prima squadra, la speranza è quello di vederli sempre di più inseriti nel progetto calcio a 5“.

Comments

comments