Dopo sei vittorie consecutive tra campionato e coppa Sicilia, il Palermo Calcio a 5 si ferma contro un Alcamo Futsal particolarmente arcigno e capace di arginare la formazione rosanero per oltre 50 minuti. Alla fine ci pensa un rigore – molto discusso da parte della formazione ospite – messo a segno dal capitano Vincenzo Messeri, che con questo gol si sblocca dopo un periodo di pesante astinenza, per evitare una sconfitta interna che sarebbe stata clamorosa e soprattutto tutt’altro che meritata, visto che la formazione guidata da Roberto Zapparata è stata protesa in avanti fin dai primi minuti di gara, subendo una doccia gelata con il gol realizzato dagli uomini di mister Gottuso prima della fine del primo tempo. In ogni caso, sia l’imbattibilità stagionale che il primo posto in classifica sono salvi.

Si parte forte con il Palermo Calcio a 5 che inizia a palleggiare nella metà campo avversaria come da copione, anche se l’assenza di Mineo si fa sentire in termini di pericolosità e di imprevedibilità nel movimento senza palla. Bongiovanni prova a scaldare i motori ma non va a segno con due conclusioni apparentemente alla sua portata: la prima finisce clamorosamente sopra la traversa da buona posizione, la seconda si spegne tra le braccia del portiere alcamese Gaglio, grande protagonista della sfida. L’Alcamo Futsal fa la formichina prima di raccogliere i frutti del proprio grande lavoro difensivo: così basta un rinvio dal fondo del portiere per innescare La Colla, il quale approfitta dell’indecisione tra Marretta e Bongiovanni per uncinare un diagonale che fa secco Calamia. Vantaggio inaspettato per i bianconeri ospiti, primo tempo che si chiude con un paio di occasioni per Casamento e compagni, con Gaglio sempre protagonista.

Nel secondo tempo c’è un assedio pressochè totale del Palermo Calcio a 5, che continua a buttarsi nella metà campo avversaria, in un primo momento senza riuscire a creare palle gol. C’è tempo per una traversa di Casamento dopo un bellissimo scambio con Marretta, molto più coinvolto nella manovra d’attacco, mentre dall’altra parte solo un paio di ripartenze tiene sull’attenti Calamia. Piovono palle gol per i rosanero, ci prova anche Alongi senza fortuna, poi Gaglio si ritrova tra le mani un paio di palloni colpiti da pochi passi da Bongiovanni e ancora da Casamento. Prima dell’episodio che spezza il sortilegio palermitano: schema da calcio d’angolo che porta al tiro Bongiovanni, la palla colpisce Vilardi e l’arbitro non ha indecisioni nel fischiare il calcio di rigore. Proteste vibranti degli ospiti, ma Messeri non ha tempo da perdere e spacca la porta con il destro che vale l’1-1. L’assalto finale del Palermo non porta al ribaltone, anzi i rosa devono ringraziare Marretta, che in un contropiede dell’Alcamo ci mette la faccia nel vero senso della parola e respinge la conclusione di capitan Milazzo.

Comments

comments